Le Famiglie dei Militari deceduti a causa dell’ URANIO IMPOVERITO Pignorano i Beni del Ministero.

Le Famiglie dei Militari deceduti a causa dell’ URANIO IMPOVERITO Pignorano i Beni del Ministero.

Picture0057

APPELLO PUBBLICO: Cercasi Parlamentari di coscienza che si interessino di questo problema Nazionale che riguarda circa 5000 persone …Interessamento per soluzioni a livello centrale non disdegnando la collaborazione politica di ogni organismo ISTITUZIONALE Nazionale-centrale ,  locale Comunale , Provinciale e Regionale…Io CERCHERO ‘ DI FARLO, E VOI???…….’
Sul;Blog “Provoc(A)zioni Luigi CIVOLANI “by EDITING ALTERVISTA ORG ,OVVERON SU ESTERNA INTERNET,TWITTER, FACEBOOK ED ALTRI SITI VI TERRO’INFORMATI .

Uranio impoverito: le famiglie dei militari deceduti pignorano i beni del Ministero DELLA DIFESA :

..…..NELLA SPERANZA che da oggi  si accodino anche le famiglie delle vittime ancora in vita….  Se percorribile , forse  tale azione Sarebbe una buona idea…… 

Le sentenze dei Tribunali non bastano. Lo Stato italiano, che nelle varie ‘missioni di pace” ha ‘ordinato’ ai militari di utilizzare armi realizzate con uranio impoverito, adesso non vuole pagare i danni. Forse perché i militari non sono più poche decine, ma centinaia. La storia è di una vergogna italiana e internazionale.

Uranio impoverito: le famiglie dei militari deceduti pignorano i beni del Ministero della Difesa

 Scritto l’ ennesimo capitolo della vicenda dei soldati italiani morti a causa delle bombe utilizzate nelle “missioni di pace”. Nel 2010, la XII sezione del Tribunale civile di Roma aveva ritenuto responsabile il Ministero della Difesa e aveva imposto un risarcimento di oltre un milione di euro in favore degli eredi di un militare italiano reduce dal Kosovo e morto a causa di un cancro contratto per gli effetti dell’esposizione alle polveri di uranio impoverito. Un risarcimento, però, che lo Stato non ha mai pagato. Inutili i ricorsi e i solleciti. Per questo i parenti del militare italiano sono stati costretti, nei giorni scorsi, a presentare un nuovo ricorso, “mediante atto stragiudiziale”, diffidando il Ministero a “provvedere al risarcimento” entro 30 giorni.

Quella dell’uranio impoverito (e delle conseguenze che ha provocato) è una storia “sporca”. Una vicenda di cui non si parla volentieri, forse perché rivela uno dei tanti lati oscuri delle “missioni di pace”. La storia risale ai tempi di missioni come quella in Kosovo, negli anni ’90 del secolo passato. Fu allora che in Italia si cominciò a parlare delle conseguenze dell’utilizzo di uranio impoverito (DU, depleted uranium) come componente di missili e munizioni. L’uranio impoverito è uno scarto del processo di arricchimento dell’uranio, che viene poi utilizzato nei reattori nucleari o nelle armi nucleari, mediante isotopi fissili. Questo scarto è meno radioattivo dell’uranio naturale, ma possiede proprietà fisiche quali la densità elevatissima (19 g/cm3, 1.7 volte maggiore della densità del piombo) ed una notevole duttilità. Proprietà  che, unite ad un costo basso, lo rendono richiestissimo dall’industria bellica come alternativa ad altri materiali, ad esempio, il tungsteno monocristallino, che ha proprietà analoghe, ma è molto più costoso.

I missili e i proiettili realizzati o ricoperti con questo materiale sono molto efficaci contro le corazzature (ègiustizia 2estremamente denso e piroforico). Per questo le munizioni di questo tipo vengono chiamate nella terminologia militare API, Armor Piercing Incendiary, munizioni perforanti incendiarie. La storia dell’utilizzo dell’uranio impoverito per produrre armamenti risale addirittura ai tempi della seconda guerra mondiale (anche Hitler voleva utilizzarlo). Ma il boom di queste munizioni, specie negli Stati Uniti, risale alla guerra del Golfo (ne sono state usate circa 500 tonnellate). Se ne è fatto grande uso anche in molte altre “missioni di pace”: in Bosnia nel 1995 e, nel 1999, in Serbia e nel Kosovo.

Il problema legato all’uso di questo materiale è che, dopo il contatto, genera polveri sottili poco radioattive, ma estremamente dannose per la salute. Sono molti gli studi (come quello effettuato da Diane Stearns, della Northern Arizona University), che hanno dimostrato che cellule animali esposte a queste sostanze (in particolare al sale di uranio solubile in acqua, l’acetato di uranile) sono soggette a tumori e ad altre patologie (danni a reni, pancreas, stomaco/intestino). Danni che non colpiscono solo gli “obiettivi” dei proiettili, ma tutti quelli presenti sul campo, civili o militari, di una fazione o dell’altra. Questo significa anche che i luoghi dove vengono utilizzate queste armi sono contaminati da radiazioni e da nanoparticelle potenzialmente letali.

Stranamente, però, nessuno ha cercato di capire quali siano state le conseguenze dell’uso di proiettili con DU sulla popolazione dei Paesi in cui si sono svolte le “missioni di pace” dell’ONU e della Nato. In questi Paesi, dopo le missioni, la gente era “libera”: libera di morire di tumore a causa della guerra “sporca” che era stata portata sulla loro terra. Immense aree piene di residui di nanopolveri di quello che un recente libro sull’uso militare dell’uranio impoverito ha chiamato il “metallo del disonore”.

Dell’uranio impoverito si è tornato a parlare solo dopo che patologie ad esso riconducibili si sono manifestate nei soldati italiani di ritorno dalle missioni di pace. Patologie causate anche dal fatto che i militari non erano stati avvertiti dei pericoli derivanti dall’uso di queste munizioni. “Noi italiani operavamo a mani nude, con il volto scoperto, senza maschere, in territori altamente inquinati da proiettili di uranio impoverito, ancora conficcati al suolo”, ha detto il capitano Enrico Laccetti, che, al ritorno dalla “missione di pace” nei Balcani, si è ritrovato nei polmoni un linfoma lungo 24 centimetri provocato, come ha dimostrato la biopsia, “da nanoparticelle di metallo pesante”.

Patologie gravi che, in pochi anni, hanno causato la morte di decine, forse centinaia di soldati. Per questo i parenti di alcuni di loro hanno citato in Tribunale lo Atato: per avere, se non altro, giustizia morale. E, invece, per assurdo che possa sembrare, dopo la sentenza di primo grado e dopo il ricorso (entrambi favorevoli ai parenti delle vittime), lo Stato ha continuato a fare orecchie da mercante. Per questo motivo, nei giorni scorsi, alcuni di loro sono stati costretti a rivolgersi al giudice amministrativo per obbligare il Ministero e lo Stato ad ottemperare alla decisione del giudice civile e a chiedere la nomina di “un commissario ad acta affinché provveda in via sostitutiva”. In altre parole, a chiedere il pignoramento dei beni del Ministero nel caso in cui dovesse ostinarsi a non pagare.

La ragione di un simile comportamento da parte della pubblica amministrazione, però, potrebbe essere un’altra. La sentenza della Corte d’Appello di Roma con la quale il Ministero della Difesa è stato condannato a risarcire i familiari di un altro reduce del Kosovo, avrebbe riconosciuto “l’inequivoca certezza” del nesso di causalità tra la malattia e la sostanza tossica e, cosa ben più grave, le responsabilità dei vertici militari “per avere colposamente omesso di adottare tutte le opportune cautele atte a tutelare i propri militari dalle conseguenze dell’utilizzo dell’uranio impoverito”.

Il pericolo legato all’utilizzo dell’uranio impoverito pare fosse noto a tutti: agli americani alleati (che, nonostante l’evidenza scientifica decennale delle conseguenze, riconobbero gli effetti e i danni causati solo nel 2000), alla Nato (che ha ammesso l’utilizzo, solo in Kosovo, di circa 31.000 proiettili con DU pari a tonnellate e tonnellate di questa sostanza) e perfino alle Nazioni Unite che, nel 1996, hanno adottato una risoluzione in cui sollecita “…tutti gli Stati a ispirare le loro politiche nazionali alla necessità di contenere la produzione e la diffusione di armi per la distruzione di massa o a effetto indiscriminato, in particolare armi nucleari, armi chimiche, ordigni combustibile-aria, napalm, bombe a frammentazione, armamenti biologici e contenenti uranio impoverito”.

Anche in Italia l’uranio impoverito (sotto, foto tratta da italian-samizdat.com) è stato a lungo al centro di accesi dibattiti: in un  discorso tenuto al Senatouranio impoverito 2nel 2001 è riportato che “per quanto riguarda il Kosovo, come è noto da allora, la Nato, nel maggio 1999, ha fatto sapere di aver utilizzato in quella regione munizionamento all’uranio impoverito”. I vertici dell’esercito e del Ministero e i politici avrebbero dovuto sapere quali erano i rischi per la salute dei militari. Non a caso venne istituita anche una commissione (Commissione Mandelli) “per accertare tutti gli aspetti della questione. (…) Essa dovrà stabilire se si tratti di episodi singoli, non correlabili fra di loro o, viceversa, se possa esistere una causa unica e, in questo caso, se tale causa possa essere l’uranio impoverito o se l’insorgere di queste patologie sia dovuto ad altri motivi. (…) Noi vogliamo fare chiarezza; lo dobbiamo innanzitutto ai nostri militari e alle loro famiglie; lo dobbiamo a tutti gli italiani”.

E infatti, alla fine, “chiarezza” è stata fatta. Ma a farla è stato il Tribunale e solo dopo quindici anni e diversi gradi di giudizio. La verità, forse, è che lo Stato, che conosce bene gli effetti sulla salute dei nostri soldati dell’utilizzo di queste armi (nel 2010 è stato istituito un fondo da 10 milioni di euro destinato alle vittime), con tutta probabilità, ha paura di quali sarebbero le conseguenze che potrebbe avere questa  sentenza. I casi di tumore tra i militari di ritorno dal fronte dopo le “missioni di pace” sono molte migliaia e, da quando è stato aperto lo sportello per segnalare i casi di malattie causate dal DU, al Ministero sono state presentate oltre 500 richieste di risarcimento (e il loro numero continua a crescere). Cosa succederebbe se tutti questi militari o le loro famiglie decidessero di ricorrere ai Tribunali e se, visti i precedenti, questi riconoscessero loro risarcimenti milionari? Forse, il motivo dell’indifferenza e dell’apparente insensibilità del governo nell’ottemperare a quanto stabilito dal Tribunale è proprio quello di scoraggiare sia le vittime dell’uranio impoverito ancora in vita, sia i familiari dei militari deceduti.

Forse, però, la cosa più “sporca” di tutta la vicenda è un’altra. A sapere che le munizioni che stavano utilizzando erano pericolose per la loro salute erano anche i nostri soldati. I quali, però, non poterono far altro che continuare ad utilizzarle ben sapendo che alcuni di loro, anni dopo essere tornati in Italia sani e salvi dal fronte, sarebbero morti di una morte terribile. Molti di loro, probabilmente, sapevano che stavano mettendo a rischio la propria vita non per la patria (né la loro, né quella di altri), ma per permettere a qualche fabbricante di armi e armamenti di risparmiare sui costi di produzione.

Sì, perché, in fin dei conti, i nostri militari sono morti per consentire ad alcune aziende di “risparmiare” sui loro strumenti di morte. Aziende americane, canadesi, cinesi, francesi, inglesi, sudafricane, russe: sono molte le imprese che hanno prodotto armamenti utilizzando l’uranio impoverito. E nessuna di loro lo ha fatto in segreto: spesso tra di loro si annoverano nomi di contrattiste per i ministeri e, in qualche caso, aziende di diretta proprietà dei governi. Imprese che, per produrre queste armi, spesso sono state anche lautamente finanziate dalle maggiori banche (i nomi sono emersi dopo un’inchiesta condotta da una Ong belga, Netwerk Vlandereen).

Una cosa è morire per il proprio Paese durante un combattimento, a causa di una pallottola o per una bomba (per quanto sbagliato e cinico possa sembrare, fa parte dei rischi del mestiere di un militare). Ben altra cosa è, invece, morire per un tumore causato dalle munizioni fornite dal proprio Paese e dai propri superiori e solo per fare gli interessi di qualche grossa industria o di qualche banca. E ancora peggio se, dopo molti anni, si viene a sapere che, come sostiene la sentenza, i vertici della Difesa erano a conoscenza dei rischi connessi con l’utilizzo di quelle munizioni (il Tribunale “ha accertato non solo che i vertici militari erano a conoscenza dei rischi derivanti dall’esposizione all’uranio impoverito, ma anche che non hanno fatto nulla per prevenirli“).

Nessuno dei nostri soldati, mentre rischiava la vita in Kosovo o in qualche altra “missione di pace”, si sarebbe mai potuto aspettare che i propri superiori, quelli di cui loro si erano fidati, quelli che avevano ordinato di usare le munizioni fatte con  il DU e di non aver paura delle conseguenze, che proprio loro, dopo anni, non avrebbero avuto il coraggio di ammettere di aver sbagliato. E che non lo avrebbero fatto neanche dopo che la loro colpa era stata provata da un  tribunale…

LUIGI CIVOLANI  BLOGGER “Provoc(A)zioni” Divulga……..

_______________________________________________________________

Cito un caso per supportare TUTTI I CASI(circa 5000)  ed anche per rafforzare il PARADOSSO di tutta questa Storia indecorosa per uno STATO “cosiddetto CIVILE “..(Luigi Civolani).

Francesco De Angelis, vittima dell’uranio impoverito come molti altri militi italiani in missione soprattutto all’estero, chiede allo Stato il diritto di essere curato

+ Codice da incorporare Francesco De Angeli

“Sono stato tradito da uno Stato che ho servito con onore. Abbandonato. Come tutti gli altri militari che si sono ammalati a causa dell’uranio impoverito. Nessuno si chiede come stiamo andando via. Nessuno pensa alle nostre sofferenze e a quelle di chi ci ama e, impotente, ci vede spegnerci ogni giorno. Voglio morire con dignità. E per farlo questo paese mi costringe a pagare. Dopo avermi condannato a morte”.

Francesco De Angelis, 30 anni di servizio nell’arma dei carabinieri con missioni in Bosnia, Albania e Kosovo, arresti di latitanti e tantissime onorificenze arrivate anche dal presidente della Repubblica da anni sta portando avanti una battaglia affinché lui e molti altri militari italiani, anche deceduti, vengano riconosciuti dallo Stato come vittime dell’uranio impoverito. “Ho partecipato a tutte le più importanti missioni all’estero dove – come abbiamo purtroppo scoperto solo dopo – si faceva uso di uranio impoverito nelle munizioni anticarro e nelle corazzature di alcuni sistemi di armamenti… Nessuno ci ha detto dei rischi. Delle malattie.

Mi hanno bombardato di vaccini prima di partire e oggi pretendono che sia io a provare il nesso di causa-effetto. Ma io so solo che prima di partire per la mia prima missione, ero un ferro. All’arma mi hanno sempre sottoposto ad ogni tipo di analisi e visita medica. Lo Stato ha il dovere di riconoscere il nostro diritto ad essere curati. Non possiamo pagarci pure analisi cliniche, tac e quant’altro. E se vogliamo andarcene con dignità ci devono permettere di farlo. Per questo viaggio, l’ultimo, è l’Italia che deve pagare il  biglietto”.

Raffaella Fanelli

http:/https://www.facebook.com/luigi.quintavalle/videos/10210861021232014/

http://http://www.tvsvizzera.it/qui-italia/un-giorno-in-pretura/Voglio-morire-con-dignit%C3%A0-8211337.html

Picture0060

Contatti “Provoc(A)zioni” Blog Luigi CivolanI :

[email protected]

FONTI GENERALI :

Fonte  foto missili da ecoblog.it

DENUNCIE SOCIALI -Diritti, GUERRE nel MONDO, terrorismo e guerre nel mondo

Informazioni su c510152025

DESCRIZIONE ED INFORMAZIONI : su c510152025 Luigi Civolani per :: "Provocazioni" Blog Principale By editing altervista org connesso a Facebook e Twitter e piattaforme inerenti. Rintracciabile via internet -Google: https://c510152025.altervista.org/ Luigi Civolani:-Autore Teatrale - -Teatro Civile E Sociale - -Attore Monologhista - -Formatore -Regista - -Direttore Artistico - -Operatore Culturale- -Psicologo-Comunicazionalista - -Consulente Aziendale e Metacomunicazionalista./ NOTE INFORMATIVE aggiuntive e Precisazioni : "ProvoC-azioni"è un' iniziativa dipartimentale dell' associazione Artistica e Culturale multidifferenziata denominata:"G.A.GE.DI.S./ Ass. generica itinerante "no Profit",(tip.12), con il supporto diffusivo -interassociativo in rete degli aderenti, nonche' di tutti i gruppi one-line dei link dei Social-Network collegati e riportati nel sito-blog fondato dal fondatore-amministratore generale-conduttore-opinionista Luigi Civolani​ . Inoltre Luigi Civolani e' il Presidente del Centro Studi Itineranti Associazione Teatrale no profit : : "G.A.GE.DI.S." Libera Universita' di Nuceria /. Teatro e vita . Pertanto tale iniziativa "NON RAPPRESENTA CONFIGURAZIONE di TESTATA GIORNALISTICA e/o prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n: 62, interpretando il DIRITTO SANCITO dell' articolo 21 della COSTITUZIONE ITALIANA sulla LIBERTA' di PENSIERO ed OPINIONE. CHI SONO IO ?..... Una maniera insolita ed introspettiva per conoscermi meglio, più da vicino …..CHI SONO IO ? ..... Dire di se stessi cosa si è, non è facile, anche perché ciò dipende dalla propria autostima. Ogni essere umano, di sé ha sempre due immagini : una reale ed un’altra ideale, e spesso dibatte tra ciò che è e tra ciò che crede di essere . Inoltre, per un uomo è ancor più difficile dibattersi in ciò che non vorrebbe essere. A me piacerebbe dir soltanto: “Sono un italiano, un essere umano creativo che quando può, cerca di applicare l’umanesimo integrale ed in presentazione, gradirei pure aggiungere : “sono fiero di essere nato a Napoli 65 anni fa e vivo nel Salernitano “. Solo ciò basterebbe per me, ma forse non per voi. Solitamente, la latente curiosità umana, sempre un po’ ipocrita, tende alla materialità del fare e del dire. Infatti se chiedete ad un uomo chi sei? questi vi risponderà subito dicendovi: “Io sono l’ingegnere tal dei tali , il dottor… l’avvocato…, il ragioniere…” e così via dicendo… e magari aggiungerà pure il verbo avere (possesso), ovvero," io ho… io ho ….io ho"… e costui non tenderà mai ad esprimere chi è veramente (anche perché non lo sa). Così tutti noi, non ci accorgiamo che non siamo ciò che facciamo ed abbiamo, ma solo noi stessi nel bene e nel male, o meglio NOI nel se, e prima ancora nel prese. Tale mia premessa è servita per accontentarvi anche in maniera differente e pertanto, visto che avete bussato alla “mia porta”, credo che una cosa la conoscete per certezza, e già da prima : Io sono un “provocautore”, spesso voce eretica dell’ insorgenza, ma come tutti gli autori, sono un creativo; io in etichetta mi presento in polivalenza, ovvero, un artista, un attore monologhista, uno scrittore, poeta, autore teatrale-monologhista; formatore, regista per il teatro civile e sociale di discorso. Però nella mia poliedricità ed eclettismo sono anche un aziendalista-imprenditore di me stesso e per terzi. Professionalmente sono psicologo- formatore comunicazionalista, (LNP, cv, cnv)…. il resto lo aggiungerete voi e mi auguro che in merito alle dimostranze le vostre “sentenze” siano indulgenti. In conclusione , per non annoiarvi più di tanto , preferisco rimandarvi ( e se lo vorrete) alla lettura completa della mia scaletta curricolare (biografia, ecc..), che troverete in questo blog. Infine ,in considerazione che non amo autocelebrarmi e quindi scrivere da solo (e per me) ”io chi sono” nel senso dell’ encomio, vi lascio in compagnia di una recensione scritta sul sottoscritto, dal Prof.re NEURO BONIFAZI, critico letterario già ordinario di letteratura italiana e filologia nella Università di Urbino, recensione scritta in occasione della pubblicazione editoriale della sua opera critico-antologica sulla storia della letteratura italiana contemporanea, ove il sottoscritto , è inserito e citato tra gli autori più meritevoli dell’ ultimo trentennio storico del 1900 . (Luigi Civolani.." Il ProvoC-Autore"-conduttore del blog .) _________________________________________________________________________________ P.S. : Neuro Bonifazi su Luigi Civolani: LUIGI CIVOLANI , tra gli altri premi e benemeriti già acquisiti, è stato insignito per ben tre volte del “Premio Lirici Greci “al concorso “Penisola Sorrentina “. Scrive poemi lirico-saggistici e prosa teatrale monologhista, di forte impegno sociale e morale, dove l’impronta lirica si adatta favorevolmente ed efficacemente al pensiero utopico e alla comunicazione efficace, oltre al rilevamento personale libertario e autobiografico : TRACCIA di ESEMPIO : Dell’ essere, la maturità vera/è quella che riesce a conservare/per sempre quella infantile./Scrivo per me/la scrittura mi aiuta/a buttar giù i pensieri/.Scrivo sempre a penna/e mai con una tastiera./La mia vera conversione/ è avvenuta quando la mano/alla penna/la lentezza del pensiero ha imposto/, prima erano le dita a inseguir la mente,/or è la mente che insegue la velocità delle dita. Recensione del Prof. Neuro Bonifazi .(Critico Letterario) su Luigi Civolani (Fine) . Mia PIATTAFORMA TELEMATICA ( parziale)su facebook. Inoltre Presente in esterno su internet -google -Twitter ed altri Social network famosi : –SU FACEBOOK Gruppi : ALTRA POLITICA Nocera Rivoluzionari da sempre, Fronte Civico -extraparlamentare Nocera-Agro il Portale del cittadino dissidente./ Nocera il Popolo Sovrano impegnato – CAFFE’ DELL’ ARTE POLIVALENTE – CASERMA TOFANO bene dismesso da riutilizzare – FRATELLANZA MASSONI E PROFANI Degni. Roosevelt unione sezioni Campane ed opere – GAGEDIS TEATRO D’INSIEME – 5 +STELLE (GAP-DD) GRUPPO Campano – 5 STELLE (GAP ) A SOSTEGNO e Supporto Sovranita' Popolare – GRUPPO ‘PORTA APERTA’ – IL PROVOCAUTORE ‘SOCIAL FORUM’ – INFORMA E FORMA bloggers – L’OMBRA DEL POPOLO nefandezze del palazzo e della piazza – NESSUNO ESCLUSO..Assieme ( progetto da vicino nessuno e' normale). – NO MENTI ASSOGGETTATE. A Porte aperte . La Civilta dei quartieri autogestiti Popolo Sovrano proponente ( Gruppo Nazionale) – /IO GOVERNO/LA FOLLA – SUA MAESTA’ IL CITTADINO . Cittadini per la Democrazia diretta partecipata da tutti i Comuni d'italia. – VITE DISOBBEDIENTI . Marco travaglio senza il bavaglio Demograzia diretta-Pagani Insenante -monologhista Unions club coalizione sociale( con Landini) ecc.ecc... Leggi tutti gli articoli di Luigi Civolani c510152025 pubblicati su "Provocazioni blog by altervista org → https://c510152025.altervista.org/ Contatti e-mail: [email protected]

Precedente Il NO VOLA al- 76 per cento-RENZI è FINITO NON SA PIU' COSA FARE Successivo LUIGI CIVOLANI: GARIBALDI VENDETTE IL SUD ai SAVOIA TUTTE LE BUGIE / divulgazione del Provocautore Blog provocazioni by altervista org